Stazione Trastevere e oltre

 

 MOTTO:   Ribellarsi,ribellarsi,ribellarsi fino a quando gli agnelli non diventano leoni.

(I cittadini debbono partecipare al PRG )

 

 

 L’area della Stazione di Trastevere

 

 

Questo è un nodo di grande complessità in quanto quest’area non è oggetto di controllo alcuno.

Uno dei più importanti nodi trasportistici di Roma, che con la sua attività genera anche vistosi processi di trasformazione urbanistica di fatto è abbandonato a se stesso.

 

L’esterno è ormai un parcheggio senza regole,vcon una difficile convivenza anche con i capolinea dei mezzi pubblici. L’interno è terra del disagio sociale così come lo è l’interno dell’area Fs, dove  vivono alcune persone.

Ma l’esterno della Stazione non è proprio un paradiso: L’immobile del PUP è ormai fermo da tempo ed i collegamenti di quest’area con via Ettore Rolli non più accessibili. Il mercato rionale non è stato realizzato ed i cittadini vivono ormai da molti anni reclusi dal cantiere.

Lungo la circonvallazione Gianicolense e Viale Trastevere sono stati aperti numerosi locali gestiti da extracomunitari ed alcuni di questi sono divenuti luogo di residenza del mondo degli alcolisti notturni, con problemi di sicurezza che la stampa ha riportato recentemente.

Tale situazione se non verrà gestita al meglio potrà negli anni portare a  situazioni di conflitto con i cittadini e a danni di natura economica per tutti coloro che vivono di turismo o di residenza universitaria.

 

Che Fare?

 

Stazione di Trastevere

 

Eliminazione del parcheggio centrale con contestuale restyling della piazza e dei suoi accessi:

realizzazione di un parcheggio di scambio nell’area FF.SS interna .

Sistemazione della scarpata con tecniche d’ingegneria ambientale e posizionamento di barriere antirumore fino al Ponte Bianco.

Maggiore controllo interno alla stazione e riattivazione dei servizi ,anche privati.

 

 

 

PUP/Parco Ghetanaccio

 

Completamento del cantiere, realizzazione del Parco Pubblico, ritorno degli operatori del mercato,

apertura del collegamento con via Ettore Rolli.

Per il piccolo casale oggi presente nell’area del PUP dovrà essere previsto solo il suo restauro

 

Circonvallazione Gianicolense

 

Sistemazione dei marciapiedi ed eventuale allargamento di questi al fine di realizzare una passeggiata munita anche di panchine. Mantenimento degli attuali vuoti lungo la strada e realizzazione di aree di vivibilità alberate. Manutenzione delle alberature con eventuali integrazioni.

 

 

 

Moratoria delle concessioni di somministrazioni su quest’area e su Viale Trastevere.

Realizzazione di una pista ciclabile fino al ponte bianco in modo da ricongiungersi con quella di via dei quattro venti.

 

Le Trasformazioni future

 

Anche in questo quadrante tra poco avverrà quanto previsto in quello di porta portese per cui

la possibile trasformazione futura degli immobili  BNL di via Crescenzo del Monte dovrà essere resa compatibile con la dotazione dei servizi del quartiere e con i necessari standars urbanistici.

 

 

 

Roma 24/11/2014

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>